Nido d'Infanzia COLORADO

Logo Matilde Capello70

logo Liberamente70

Logo Life Care70

Pubblicazioni

Ciò che è importante in una storia, non è l’intrigo, le cose o le persone, ma le relazioni tra loro. La storia è un aggregato di relazioni formali disperse nel tempo. (Bateson)

Documentare significa: scegliere, selezionare, assumere un punto di vista, assumere un punto d’osservazione per raccontare un piccolo spazio di vita, un’esperienza particolare collocata in un tempo definito.

Non si tratta di aggiungere significato a ciò che accade, ma di metterlo a fuoco arrivando al cuore delle piccole cose.

Le piccole cose della quotidianità diventano speciali se incontrano uno sguardo che le accoglie, le fissa e le mette in valore per ricordarle.


 

Le tecnologie digitali pervadono la nostra quotidianità e i bambini e i ragazzi di oggi, nati nel mondo digitale, fatto di computer, social network, videogiochi e smartphone, si muovono dentro a questo ambiente con molta immediatezza e curiosità. I tablet, gli smartphone touch, sono strumenti diffusissimi e introducono al digitale sempre prima anche i bambini più piccoli, abbassando molto la soglia di accesso alle tecnologie di ultima generazione. I bambini, anche piccoli, con facilità, interagiscono e costruiscono la propria conoscenza in un ambiente dove reale e virtuale, analogico e digitale, materiale e immateriale, sono dimensioni spesse volte inscindibili e le realtà sono plurime e integrate. Sembra proprio che il futuro sarà sempre più digitale e lo evidenziano anche le indicazioni della Comunità Europea che propongono di avvicinare i bambini e i ragazzi anche alla “programmazione” (coding), offrendo esperienze di conoscenza, basate anche sul gioco, per comprendere i concetti di base dell’informatica che, fondamentalmente, si possono definire come una sorta di grammatica del mondo digitale.

AtelierNella consapevolezza e nell’attenzione che, anche quando scegliamo di approfondire una parte dell’esperienza di apprendimento dei bambini, non possiamo isolarla e svincolarla  da tutte le altre esperienze che stanno vivendo, dagli interessi che maturano col tempo, dalla curiosità che muove la ricerca e il conoscere , dai LINGUAGGI CHE SI CONTAMINANO E SI ARRICCHISCONO VICENDEVOLMENTE…quindi, ancora una volta, il contesto di riferimento a questo percorso specifico, è la vita quotidiana dei bambini al Nido, in relazione al gruppo di amici, alle ipotesi progettuali, all’ambiente che li connota, dentro e fuori.  Quello che  è emerso è un’esperienza ricchissima di spunti e di appunti che ci hanno permesso di comprendere  di più i bambini, nella loro soggettività, nei processi di apprendimento singoli e di gruppo, nelle loro ricerche in corso. La preziosa collezione di microstorie che abbiamo raccolto si compone di più contesti in cui i protagonisti sono i bambini dai 13 ai 24 mesi, le loro idee, le loro prove, i loro confronti…uno spaccato di una ricerca che si è alimentata della variabilità e della ricchezza delle esperienze vissute e proposte quotidianamente negli ATELIER:

Ambientamento

 

 

 

Si può essere lontani ma essere estremamente vicini se la MEMORIA UNISCE sia il bambino che i genitori.

Anche quando c’è una distanza che per un po’ di tempo in qualche modo li allontana.

Si può essere molto vicini stando lontani e si può essere molto lontani stando vicini.

Tutto si decide sul piano della capacità da una parte e dall’altra di essere sempre degli interlocutori attenti.

Occorre essere molto vicini ai bambini per prepararli ad allontanarsi da noi.

Il che vuol dire consentire ad ognuno di noi di

APPARTENERE AD UNA COMUNITÀ, DI SENTIRSI APPARTENENTI AD UN GRUPPO,

ma essere capaci di non perdere il calore affettivo anche nel momento in cui ci si allontana l’uno dall’altro.

Autunno

 

 

 

 

 

Dopo un’attenta osservazione abbiamo raccolto le curiosità, gli interessi, i bisogni dei bambini e costruito il nostro percorso educativo legato ai gusti, sapori e diverse consistenze di alimenti quali l’uva, la zucca e le castagne.

In un territorio generoso come il nostro, quello Emiliano, non potevamo che promuovere la “cultura del gusto”, delle tradizioni gastronomiche, dei prodotti e cibi stagionali offrendo la possibilità ai bambini e le bambine di un viaggio a ritroso nel tempo del nostro territorio.

Condividere le tradizioni con i bambini vuol dire prendersi tempo per parlare con loro e ricostruire i sapori, gli odori ed i luoghi ma soprattutto offrire loro la possibilità di fare valorizzare i loro interessi.

I bambini e le bambine sono in continua ricerca, una ricerca intesa come apertura alla curiosità e alla creatività, e in spazi come l’ “atelier del Gusto” e l’ “atelier all’aperto”(luoghi che offrono molteplici opportunità e favoriscono  lo sviluppo di intelligenze come quella linguistica, naturalistica,logico-matematica …) scoprono i sapori, profumi, i gusti, le diverse consistenze e texture dei prodotti attraverso il fare osservando, indagando, ricercando.

At home everywhere 2015 2016

 

L'avvicinamento con la seconda lingua dovrebbe avvenire in modo implicito e naturale, all'interno di un ambiente stimolante e ricco di esperienze positive ed intense dal punto di vista emozionale. PERCHÈ L'INGLESE GIÀ AL NIDO? Perchè il bilinguismo comporta un'apertura mentale e una maggiore facilità di apprendimento e di concentrazione, stimola la fantasia e la creazione. Perchè i bambini ampliano il loro mondo sonoro e fonetico, sono completamente in grado di riconoscere ed emettere suoni che non appartengono alla loro lingua. Perchè l'età di acquisizione nell'apprendimento delle lingue gioca un ruolo fondamentale; perché  un'altra lingua non crea confusione al bambino che deve ancora iniziare  a parlare;  perché è più semplice imparare una seconda lingua  divertendosi.

Le parole aprono mondi 2015 2016

Siamo fatti di storie, tutti noi siamo essere narranti; sia che raccontiamo la lista della spesa, un ricordo d’infanzia, l’incontro con un’amica, noi narriamo continuamente. Narrare significa dire all’altro: “TU ESISTI”. NON È MERAVIGLIOSO? Di fatti appena una persona ci sta antipatica la prima cosa che gli neghiamo è la parola, ovvero la condivisione di una storia. Tutti noi, ogni giorno, contribuiamo ad arricchire il mare grande delle storie; non tutte vengono conservate nelle memoria e da un lato è un bene, perché non riusciremmo a contenerle tutte. Restano in noi le più significative, le più emozionanti. Eppure tutte le storie, anche quelle dimenticate, sono importanti perché esse costituiscono la base culturale di ogni società.

Il viaggio 2015 2016Le nostre vite sono caratterizzate da continui cambiamenti  che costituiscono un’opportunità di crescita. “Passaggio” significa sicuramente “cambiamento”, ma con l’aggiunta che questo dovrebbe essere un cambiamento cosciente, condiviso, coerente, discusso e ricco di intenzioni e valori pedagogici. Il progetto continuità ha come obiettivo quello di costruire un dialogo tra nido e scuola dell’infanzia.  Un passaggio che prevede la partecipazione attiva di tutte le parti interessate e nel quale il “cambiamento” diviene un fruttuoso e co-costruttivo percorso con il fine ultimo di promuovere, insieme, l’idea che “il mondo del gioco” è fortemente intrecciato al “mondo dell’apprendimento”. Questo percorso educativo ha avuto inizio con una splendida mattinata alla scuola dell’Infanzia Matilde Capello, dove bambini del nostro Nido, insieme ai bambini più grandi, hanno costruito una splendida bicicletta, grazie all’aiuto speciale dei loro nonni… Esperienze laboratoriali, che offrono la possibilità di conoscere nuovi contesti, insegnanti e bambini e dove ciascun soggetto, porta con se un prezioso bagaglio fatto di proprie esperienze, conoscenze e apprendimenti.

Il giramondo degli animali 2013 2014

Gli animali da cortile, i grandi animali della fattoria, gli animali domestici, i piccoli e diversi animali e insetti che vivono nell’ambiente naturale e rurale dove è inserito il nostro servizio rappresentano un piccolo «bestiario» con cui bambini e bambine si relazionano in maniera regolare, permettendoci di sperimentare quotidianamente il valore pedagogico e psicologico di una relazione con essi non spontanea e non sporadica. Oltre ad introdurre informazioni e conoscenze sulla vita e sui comportamenti degli animali in risposta alle curiosità dei bambini, gli incontri fisici e le relazioni tra i due mondi, stanno aprendo la strada alla costruzione di un rapporto bambino-animale più corretto, equilibrato e consapevole. L’apprendimento nel contesto rurale di modalità di accostamento e cura rispettosa, hanno favorito, iniziando l’esperienza anche con i piccolissimi, l’acquisizione di comportamenti di rispetto e scambio con l’alterità animale.

Auguri mamme e papà 2016

 

 

Accogliere è mettere a proprio agio non solo un ospite, un invitato, ma è anche l’affetto che muove gli aspetti dell’ospitalità, quale occasione migliore della Festa della mamma e del papà per coinvolgere le famiglie nella quotidianità dei bambini al Nido.

Dear Santa

 

 

 

 

Se chiudo gli occhi e penso a Babbo Natale vedo un signore barbuto, canuto, con occhietti vispi, teneri e acquosi.

Un abito rosso che sa di ciniglia, velluto e pannolenci.

Scarponi neri che non fanno rumore, che nascondono passi felpati.

Impronte eterne nel cuore e nella memoria di ogni bambino e poi di ogni uomo.

Ogni tanto mi piace pensare che Babbo Natale sia un po’ tante cose, che sia la fusione, che sia l’alchimia, il senso profondo del nostro essere qui a festeggiare.

Babbo Natale è il cuore che si spreme, che desidera, che ascolta, che crede, che si fida.

E’ solo lui l’artefice di tanta magia, di quell’attesa che fa venire l’acquolina in bocca e fa palpitare il cuore.

Babbo Natale è un atto di fiducia, di amore senza discriminazioni.

Babbo Natale dovrebbe saper azzerare le distanze, è il sogno di tutti per tutti.

Carnevale

 

Trasformazione come variazione, combinazione, differenza, composizione. Quale occasione migliore per trasformarsi, il CARNEVALE: festa di colori, costumi, stelle filanti, musica e divertimento.

Compleanno 2016

 

L’intento di queste pagine è quello di lasciare memoria di un giorno importante. Nella straordinarietà della quotidianità al nido, questo giorno assume toni speciali caratterizzati dal protagonismo di chi compie gli anni: un protagonismo riconosciuto, sostenuto, valorizzato, curato, disegnato, festeggiato dalle relazioni e collaborazioni degli amici e degli adulti.

Naturlamente mondo 2015 2016

 

 

La natura e le sue trasformazioni: questa raccolta di esperienze vuole rendere visibile  un “percorso naturale” durante il quale il bambino conosce, percepisce  e scopre nuovi significati di elementi naturali e del loro mutare, tessendo così trame sempre più significative con  l’ambiente che lo circonda.

Avanzamenti 2012 2013

L’esperienza che riportiamo documenta in quale modo i bambini hanno progressivamente nel tempo e trasversalmente alle molteplici occasioni offerte dai contesti di apprendimento, costruito conoscenze attorno al concetto di fila fino a farlo proprio e generalizzarlo in ambiti diversi. Con questo documento intendiamo rendere visibile la libertà creativa concessa al bambino di trasgredire al sapere codificato per andare oltre il consueto e il banale. E’ dai problemi del quotidiano, fatti propri da educatrici e bambini, che nascono i nostri progetti così da suscitare interessi e motivazioni più immediate e resistenti.

Io mi sento e mi coloro 2014 2015Lasciare i bambini liberi di CREARE LE LORO IMMAGINI, è questa l’idea DELL’ATELIER DELLA PITTURA, uno spazio che si offre come luogo libero e protetto insieme, entro il quale i bambini possano creare liberamente. Il rapporto con i bambini si sviluppa all’interno di uno spazio pittorico, un ambiente non solo fisico ma simbolico ed emotivo. Le immagini che sorgono al suo interno sono protette da uno sguardo accogliente e amorevole, consapevole del fatto che LE IMMAGINI SONO CIÒ CHE SONO, PERFETTE COSÌ, CAPACI DI RESTITUIRE I PENSIERI E LE EMOZIONI DEI BAMBINI. I bambini possono sperimentare e costruire il loro rapporto con il mondo dei colori e delle forme, il mondo dell’arte, restando FEDELI AI LOR DESIDERI, ALLA LORO IMMAGINAZIONE, AI LORO PROGETTI. Ecco perché il risultato di questa avventura creativa ha un che di intimo, di speciale e di unico: L’IMMAGINE PRODOTTA NARRA UNA PICCOLA PARTE DELLA STORIA DEL GIOVANE PITTORE.

Il giardino dei segreti

Il bambino esercita quotidianamente su tutti noi del nido Colorado, la sua potenza attrattiva, sempre pronto a stupirci con qualche evento emozionante. Il nostro essere con i bambini deriva da un pensiero educativo che considera il nido come realtà di vita dove tutti i luoghi sono vissuti e nessuno è marginalizzato, dove ogni ambiente è valorizzato per le sue potenzialità. Una ri-concettualizzazione dell’essere al nido che sposta il baricentro dall’interno all’esterno collocando il PARCO nell’ambito di una generale ri-considerazione dei diritti e dei bisogni di bambini e adulti proponendo idee nuove, Nuovi stili educativi e rilanciando inedite consapevolezze strettamente legate alle atmosfere che il parco ci offre con l’avvicendarsi delle stagioni.

Un filo di luce

 

L’esperienza che documentiamo è il risultato dell’incontro e della scoperta di un gruppo di bambini con la magia e il fascino di un raggio di luce.

Se fotografando

 

Il nostro fare parte dall’idea di bambino predisposto all’esplorazione, alla scoperta, capace di dichiarare le sue intenzioni conoscitive sin da piccolissimo. Ma parte anche dall’idea di adulto co-creatore di saperi e di cultura assieme al bambino; in grado di accogliere il dubbio, l’errore, l’incertezza che sollecitano quella zona di sviluppo prossimale che permettono un avanzamento, in grado di stimolarli, incuriosirli, sollecitarli.

Narrazioni 2012 2013

 

Dedicare un tempo alla narrazione o alla lettura vuol dire predisporre e predisporsi all’interno di un contesto comunicativo che presuppone tempi di ascolto, empatia, emozioni tra chi ascolta e chi legge. La scelta condivisa delle educatrici di svolgere attività inerenti la lettura e la scoperta di nuovi libri, è nata dall’osservazione dei bambini e dei loro comportamenti nei primi mesi di frequenza del Nido. Con questo progetto si intende valorizzare la comunicazione e gli scambi verbali; le parole, i gesti degli adulti diventano occasione per scoprire questa nuova meraviglia.

Listening and speaking with the bodys dance 2013 2014

Il progetto nasce dalla costatazione che attraverso il corpo mediamo ogni nostro rapporto con l’interno di noi stessi ma anche e soprattutto con l’esterno: l’ambiente, lo spazio, gli altri. Attraverso il CORPO SI FA ESPERIENZA DEL MONDO, SI ENTRA IN RELAZIONE, SI CONOSCE, SI ESPRIMONO LE RELAZIONI. Sulla base di queste considerazioni lo scopo di questo progetto è stato quello di creare connessioni tra la competenza corporea del bambino e la familiarizzazione ai suoni della lingua inglese, al fine di creare e sostenere gli APPRENDIMENTI più che sviluppare insegnamenti. L’idea è affiancare alla quotidianità la straordinarietà, dove la lingua “si inserisce” nel linguaggio corporeo, attraverso il gioco e l’esperienza creativa in una dimensione di co-apprendimento abbinando i suoni alla corporeità.

La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le contempla 2012 2013

La creta è un materiale naturale che si presta a molte contaminazioni:

Quali condotte di avvicinamento avranno i bambini?

Quali gesti esplorativi metteranno in atto?

Quali contaminazioni di linguaggi nasceranno?

Quali relazioni tra bambini e tra bambini e materiali?

PERCHÉ L’ATELIER?

Dieci cento mille colori e anche di più 2015 2016

 

 

Le uscite nel bosco sono uno stimolo all’apprendimento, molto significativo per i bambini. Lo spazio esterno diventa uno spazio di apprendimento, dove   conoscere ed interiorizzare le scoperte   attraverso l’osservazione, l’ascolto, un vero e proprio “laboratorio naturale”. Con sguardo fresco e senso di avventura i bambini e le bambini hanno frugato l’ambiente sulle tracce di materie, osservato i minuscoli dettagli, le superfici, i colori, e le mutazioni di luci ed ombre, scoprendo la straordinarietà della natura. Osservando un interesse particolare per la natura e per i colori abbiamo pensato ad un percorso che potesse soddisfare i loro interessi, un percorso di trasformazione dove i materiali naturali modificano la loro forma originaria, per rivelare la quantità, la qualità, la variazione cromatica della materia divenendo così pittura una pittura non solo artificiale ma anche naturale.

I suoni tra le mani

 

Il mondo dei suoni, dei ritmi e del silenzio è un mondo familiare al bambino piccolo, che è in grado di sentire già al quarto mese di gestazione, il battito del cuore della madre, ma anche voci, suoni e rumori provenienti dall'ambiente circostante. I bambini sono attenti e capaci ascoltatori, spesso disponibili ad entrare in relazione con l'altro attraverso ritmi, movimenti, sguardi, suoni. Sperimentare sonorità e silenzio vuol dire entrare in contatto con il mondo degli oggetti, con gli altri, ma anche con se stessi, con il proprio mondo interno, con le proprie emozioni, che possono esprimersi liberamente attraverso i giochi musicali.

Prendersi cura

Imparare divertendosi. Occuparsi di un vegetale, piantare un seme e vederlo germogliare sono esperienze emozionanti, e importanti occasioni a disposizione dei bambini per passare del tempo all'aria aperta, a contatto con la natura. Durante queste attività i piccoli sono esposti a numerosi stimoli sensoriali come odori, colori, suoni, e hanno la possibilità di "manipolare" materiali diversi e osservare.

Interrogare i numeri 2012 2013

 

 Le ricerche più recenti sostengono che il bambino possiede la nozione del numero sin da piccolissimo, molto prima di saper contare, poiché egli possiede il concetto della corrispondenza termine a termine.

Incuriosite da questi studi ci siamo proposte di progettare luoghi di avvicinamento al contare e di avere un occhio più attento alle strategie che i bambini ricercano all’interno di contesti matematici.

Nostro obiettivo è conoscere attraverso quali modalità i bambini del Nido progressivamente costruiscono un’idea della funzione e delle STRATEGIE del contare.

copertina-rivista1

 

 

Articolo di Silvia Sinigalia pubblicato sulla rivista "Infanzia" del marzo-aprile 2013

Il gioco è un sapere condiviso, lo ritroviamo in ogni epoca; un sapere che non si insegna, perché è insito nelle situazioni, nelle esperienze di ogni giorno, appartiene a tutti gli individui. Attraverso il gioco il bambino conosce sé stesso in relazione al mondo che lo circonda, impara a riconoscere le sue possibilità, i suoi limiti, si mette alla prova; diventa una strategia del quotidiano.

leggi tutto l'articolo in pdf...

B02gen14
Articolo pubblicato sulla rivista Bambini - Maggio 2010

Educarsi nella continuità di Donatella Faccenda, Lorena Manicardi, Sonia Zaldini
Coordinamento Pedagogico provinciale di Modena

L’educazione è scegliere il cunicolo, è inoltrarsi nei suoi meandri senza paura; è camminare lungo i crinali, in instabile equilibrio, sfidando i precipizi, lasciando le vie vecchie per le nuove, riscoprendo le antiche.
(da Duccio Demetrio “L’educazione non è finita“)

leggi tutto l'articolo in pdf...

BILINGUISMO3

PROGETTI3

CUCINA5

COMUNITA3

Nido d'infanzia Colorado
Via Traversa San Giorgio, 16
41012 Carpi (Mo)

Tel: 059 664174
e-mail: nidocolorado@gmail.com
P.Iva 02513170361

Privacy Policy - Cookie Policy